Detassazione per l’incremento della produttività – commi da 182 a 189 Legge di Stabilità

Legge n. 208 del 28 dicembre 2015. Supplemento Ordinario n. 70 della Gazzetta Ufficiale n. 302 del 30 dicembre 2015. "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato" - In vigore dal 1° gennaio 2016.

Tributi e lavoro

E’ stata prevista l’introduzione a regime dell’imposta sostituiva dell’IRPEF e delle addizionali nella misura del 10% sulle:
somme premiali, di importo variabile, corrisposte in relazione ad incrementi della produttività, redditività, qualità, efficienza e innovazione;
• somme erogate sotto forma di partecipazione agli utili di impresa.
I beneficiari sono:
• i lavoratori dipendenti del settore privato; che
• non abbiano rinunciato in forma scritta all’applicazione della agevolazione; che
• non abbiano percepito nel precedente periodo di imposta un reddito di lavoro dipendente, comprensivo di eventuali somme premiali detassate, superiore a euro 50.000; che
• avrà un limite di imponibile detassabile non superiore a euro 2.000 (l’emanando Decreto ministeriale disciplinerà le modalità applicative con le quali le aziende coinvolgano pariteticamente i lavoratori nell’organizzazione del lavoro potendo, in tale fattispecie, il limite detassabile essere innalzato sino ad euro 2.500).
Le modalità operative dovranno essere conformi ai criteri che saranno stabiliti da un Decreto ministeriale da emanarsi entro sessanta giorni dall’entrata in vigore della Legge di Stabilità 2016.
Le somme oggetto di detassazione dovranno essere contenute in accordi collettivi di secondo livello (aziendali e territoriali) firmati dalle associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.

Pubblicato il 07 Gennaio 2016